Daniele Radice

Basso

L’ambiente musicale lo contagia sin da piccolo, in casa tanti dischi, acquistati con il fratello minore che a 13 anni si fa regalare una batteria, dimostrando subito un notevole talento.

 

Daniele ne è contagiato e si appassiona al basso elettrico folgorato dal carisma di Sting nei Police.

Inizia da autodidatta, poi perfeziona gli studi affidandosi ai maestri di musica che lavorano nel suo paese.

 

A 16 anni fa amicizia con Mauro Bonafè, suo vicino di casa, già bassista professionista che gli insegna “l’arte” dello strumento, in questo periodo suona con i Back to Back , giovane formazione capeggiata dal chitarrista Francesco Caruso e alcune collaborazione con Stefano Xotta.

In questi anni si appassiona all’Hard Rock e al Metal, ascolta con passione i Deep Purple, AD/DC, Iron Maiden, Queen, Ozzy Osburne e i Black Sabbath .

( ph. Stefano Ghelli )

( ph. Stefano Ghelli )

( ph. Stefano Ghelli )

( ph. Stefano Ghelli )

Negli anni Novanta fa parte della Stilo Band del cantautore napoletano Carmine Finizio dopo questa esperienza seguiranno collaborazioni con diversi gruppi suonando il rhythm and blues il funk e il blues.

Perfeziona ulteriormente gli studi con il jazzista Marco Micheli.

 

Nel 2002 viene invitato dal chitarrista Massimiliano Piro a collaborare con Massimo Vecchi per produzioni extra Nomadi.

Da qui inizia una lunga collaborazione che sfocerà nei Manoloca nel 2010.